15 Settembre 2020

Commissione: L’ipoacusia è il maggior fattore di rischio per la demenza

La Lancet Commission ha stilato un elenco dei 12 fattori di rischio per la demenza. L’ ipoacusia non trattata è il primo tra questi fattori.

In un report dedicato alla prevenzione della demenza, agli interventi e alla cura di essa, la Lancet Commission ha elencato i 12 maggiori fattori di rischio. Il report uscito nel 2020 è una versione aggiornata di quello pubblicato nel 2017, nel quale la commissione aveva già elencato 9 fattori di rischio per la demenza.

I 9 fattori originali elencati nel report del 2017 erano: scarsa istruzione, ipertensione, ipoacusia, fumo di sigaretta, obesità, depressione, inattività fisica, diabete e isolamento sociale.

I fattori aggiunti alla lista nel 2020 sono: consumo eccessivo di alcolici, lesione cerebrale traumatica e inquinamento dell’aria.

Secondo la Lancet Commission, questi 12 fattori di rischio possono spiegare il 40% dei casi di demenza. Tutti i 12 fattori di rischio sono modificabili, es. l’ipoacusia può essere trattata con gli apparecchi acustici o con gli impianti uditivi. Per il restante 60% dei casi, i fattori di rischio sono ancora sconosciuti.

Ipoacusia

Secondo il report, l’ipoacusia non trattata rappresenta  nell’8% dei casi il fattore a rischio causante, un numero pari ad un quinto del 40% dei casi di demenza causati da uno dei 12 fattori di rischio. Nel 2017, questo numero era pari al 9%. I tre nuovi fattori hanno quindi fatto diminuire la percentuale relativa all’ipoacusia solo del’1%. Ad oggi, l’ipoacusia rimane il maggiore dei fattori di rischio.

Nel report, la Lancet Commission scrive che usare un apparecchio acustico riduce l’eccesso di rischio di ipoacusia. Per questo, la commissione incoraggia l’uso di apparecchi acustici per l’ipoacusia e di prevenire il problema proteggendo le proprie orecchie dall’eccessiva esposizione ai rumori.

I 12 fattori di rischio per la demenza

La Commissione ha elencato 12 fattori di rischio per la demenza:

  • Ipoacusia (perdita di udito): 8%
  • Basso livello di istruzione: 7%
  • Tabagismo (fumo di sigaretta): 5%
  • Depressione: 4%
  • Isolamento sociale: 4%
  • Lesione cerebrale traumatica (trauma cranico): 3%
  • Inattività fisica: 2%
  • Ipertensione: 2%
  • Inquinamento dell’aria: 2%
  • Obesità: 1%
  • Diabete: 1%
  • Alcol: 1%
     
  • In totale: 40%

Il report, “Dementia prevention, intervention and care: 2020 report of the Lancet Commission” (IT: Prevenzione della demenza, interventi e cure: report del 2020 della Lancet Commission) è stato pubblicato ne The Lancet.

Il report si può trovare al seguente link (in inglese).

Fonte e foto: The Lancet

Leggi anche:
Iscriviti per ricevere gli aggiornamenti di hear-it