17 Novembre 2020

In Italia i centri acustici rimarranno aperti anche durante il lockdown

I pazienti che portano un apparecchio acustico o che hanno problemi di udito possono ancora recarsi presso un centro acustico per poter ricevere assistenza.

I centri acustici rimarranno aperti anche durante il lockdown indetto per novembre 2020 e in tutte le aree del territorio nazionale (zone rosse, arancioni e gialle). L’apertura dei centri è consentita dalla Legge in quanto ci si svolge un servizio necessario alla popolazione.

Chi soffre di ipoacusia, problemi di udito o porta apparecchi acustici, può quindi recarsi presso un centro acustico per ricevere assistenza. I centri saranno ovviamente attrezzati al fine di garantire il pieno adempimento delle misure di contenimento del contagio.

Al fine di favorire il corretto svolgimento dei servizi, i pazienti che vorranno recarsi presso un centro sono invitati a seguire le norme di sicurezza obbligatorie (per esempio mascherina e distanza di sicurezza). Per evitare la formazione di assembramenti si invitano i pazienti ad entrare in contatto telefonico con il centro per prendere, qualora possibile, un appuntamento e recarsi solo in caso di necessità. In casi particolari, si potrà usufruire anche dell’assistenza a domicilio.

Ulteriori informazioni

Ulteriori informazioni sono disponibili sui vari siti istituzionali (Governo, Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità, Protezione Civile, INAIL, Regioni e il sito della Federazione Italiana Audioprotesi).

centri acustici

 

Ricevi le nostre notizie sull’ipoacusia

Se vuoi ricevere aggiornamenti da parte nostra sull’ipoacusia e sui problemi legati all’ipoacusia, allora iscriviti alla nostra newsletter.
Riesci a superare questo test dell’udito?
Prova il nostro test rapido dell’udito >
Riesci a superare questo test dell’udito?
Prova il nostro test rapido dell’udito >
Ascolta l’ipoacusia
Ascolta l’ipoacusia
Iscriviti per ricevere gli aggiornamenti di hear-it